Martellago (VE)
29 Voci
041 5400541
Parrocchia S. Stefano Protom.

Foglietto Parrocchiale dal 5 al 12 Aprile 2020

Leggiamolo e seguiamo con attenzione le varie proposte, con raccoglimento e preghiera da casa. Una attenzione speciale per una situazione speciale! Buona settimana Santa.

Download foglietto_parrocchiale_04_-_05.pdf

Foglietto Parrocchiale dal 29 Marzo al 5 Aprile 2020

Teniamoci informati, e uniti nella preghiera.

Download foglietto-parrocchiale-03-29.pdf

25 Marzo Festa dell'Annunciazione del Signore

Altare interno annunciazione vista

25 Marzo Festa dell'Annunciazione del Signore

Interno del Santuario con il luogo dell'annuncio a Maria

25 Marzo Festa dell'Annunciazione del Signore

Interno del Santuario a Nazareth

25 Marzo Festa dell'Annunciazione del Signore

Esterno Basilica dell'Annunciazione Nazareth

Nuove notizie fino mercoledì 25 Marzo

Prendiamo buona nota e.....preghiamo assieme come comunità viva!

Download Documento_parrocchia_25__marzo.jpg

Foglietto Parrocchiale dal 22 al 29 Marzo 2020

Leggiamolo e preghiamo, seguendo la Santa Messa parrrocchiale in Streaming o in Televisione. Così facendo saremo comunque comunità viva.

Download foglietto-parrocchiale-03-22.pdf

Foglietto Parrocchiale dal 15 al 22 Marzo 2020

Leggiamolo con attenzione!

Download foglietto_parrocchiale_03_-_15.pdf

Foglietto Parrocchiale dal 8 al 15 Marzo 2020

Leggiamolo, preghiamo per la nostra comunità e per il mondo intero.

Download foglietto-parrocchiale-03-08.pub_.pdf

Foglietto Parrocchiale dal 1°al 8 Marzo 2020

Leggiamolo e preghiamo in casa.

Download foglietto-parrocchiale-03-01.pdf

Foglietto Parrocchiale dal 23 Febbraio al 1° Marzo 2020

Leggiamolo con attenzione:

Download foglietto_parrocchiale_02_-23.pdf

Foglietto Parrocchiale dal 16 al 23 Febbraio 2020

Leggiamolo insieme;

Download foglietto_parrocchiale_02_-16.pdf

Don Luigi



La morte non è niente. Sono solamente passato dall’altra parte: è come fossi nascosto nella stanza accanto.
Io sono sempre io e tu sei sempre tu. Quello che eravamo prima l’uno per l’altro lo siamo ancora.
Chiamami con il nome che mi hai sempre dato, che ti è familiare; parlami nello stesso modo affettuoso che hai sempre usato.

Non cambiare tono di voce, non assumere un’aria solenne o triste. Continua a ridere di quello che ci faceva ridere, di quelle piccole cose che tanto ci
piacevano quando eravamo insieme. Prega, sorridi, pensami!

Il mio nome sia sempre la parola familiare di prima: pronuncialo senza la minima traccia d’ombra o di tristezza. La nostra vita conserva tutto il significato che
ha sempre avuto: è la stessa di prima, c’è una continuità che non si spezza. Perché dovrei essere fuori dai tuoi pensieri e dalla tua mente, solo perché sono fuori dalla tua vista? Non sono lontano, sono dall’altra parte, proprio dietro l’angolo.
Rassicurati, va tutto bene. Ritroverai il mio cuore, ne ritroverai la tenerezza purificata.
Asciuga le tue lacrime e non piangere, se mi ami: il tuo sorriso è la mia pace.

S. Agostino

Oggi festa della famiglia

Preghiamo per le nostre famiglie, e ringraziamo il Signore per questo dono.

Tanti auguri di un sereno Natale a tutti voi.

Lodiamo il Signore che viene!

Stemma Vescovile mons. Michele Tommasi nuovo vescovo di Treviso

l'articolo sottostante ne spiega il significato.

Informazioni sullo stemma del nuovo Vescovo di Treviso mons. Michele Tomasi

Descrizione:Spiegazione dello stemma episcopale scelto da mons. Michele Tomasi:

Il campo dello scudo è in azzurro, simbolo della incorruttibilità del cielo, delle idealità che salgono verso l’alto; rappresenta il distacco dai valori terreni e l’ascesa dell’anima verso Dio. Il giorno dell’ordinazione episcopale di mons. Tomasi è il 14 settembre, Festa dell’Esaltazione della Santa Croce; per questo egli ha voluto che tale simbolo, identificativo della nostra fede, campeggiasse in posizione prioritaria all’interno dello scudo. La croce è in oro, simbolo della Fede, attraverso la quale possiamo comprendere la forza salvifica della redenzione che da essa promana.
I tre monti di colore argenteo alla base della croce, oltre che ricordare le Dolomiti che coronano le terre d’origine di mons. Tomasi, richiamano anche i tre monti associati alla vicenda terrena di Gesù: il monte della Trasfigurazione, il Golgota e il monte degli Ulivi, luogo dell’Ascensione.
Dalla base della croce scaturisce una sorgente d’acqua, elemento che spesso ricorre nella Sacra Scrittura: l’acqua che sgorga dalla roccia (Nm 20,11) e nasce dalla Nuova Gerusalemme (Ez 47,1-12; Ap 22,1-2) ricorda quella che, mista a sangue, zampilla dal costato di Cristo crocifisso, già dai Padri interpretata come allusione ai sacramenti, specialmente al Battesimo.
A destra rispetto alla croce troviamo un gonfalone, elemento che appare frequentemente nell’iconografia di san Liberale, patrono della Diocesi trevigiana; al lato opposto il petaso, il bordone e il pane ricordano il beato Enrico da Bolzano che, di ritorno dal pellegrinaggio a Roma, stabilì la sua dimora a Treviso, dove era solito condividere il pane con i più poveri; il beato Enrico è anche patrono di Bolzano, città natale di mons. Tomasi.
In palo è posizionata una croce astile “trifogliata” con cinque gemme rosse, sormontata dal cappello prelatizio (galero), con cordoni a dodici fiocchi, pendenti, sei per ciascun lato (ordinati, dall’alto in basso, in 1,2,3), il tutto di colore verde, specifico per i vescovi.
Il motto è ispirato al Vangelo di Matteo, laddove l’evangelista riporta le parole di Gesù nell’impartire agli apostoli i fondamenti della loro missione terrena, esortandoli a prodigarsi per i fratelli più bisognosi; un insegnamento racchiuso nello specifico versetto: “Gratuitamente avete avuto, gratuitamente date” (Mt 10,8).

Coroncina Della Divina Misericordia

Modificato il luogo della recita:

Conclusione Bieno anziani 17/27 Agosto 2019

Si è conclusa l'ultima vacanza a Bieno stagione 2019, con il gruppo anziani, il tempo è stato clemente e quindi buono, le temperature accettabili, hanno consentito, delle passeggiate piacevoli agli ospiti. Dove il nuovo gruppo cuochi ha provveduto al loro sostentamento, con piatti prelibati e variegati.
Il nostro amato don Najlon ha assistito il gruppo presenziando alle preghiere collettive e Santa Messa giornaliera.
Al termine della vacanza, gli ospiti erano soddisfatti, e in ottima forma.
Ringraziamo il Signore per questa bella esperienza di vita.

Buona Pasqua a tutti voi.

E' Risorto non è qui !

Fidatevi del Signore.

Invito alle famiglie:

Pensierino del giorno.

Dal nostro Papa Francesco:

Preghiera per la XXIV Giornata Mondiale del Malato 2016

Dalla Conferenza Episcopale Italiana.

Preghiera alla Madonna di Lourdes

Dal Santuario Maria Immacolata " N.S. di Lourdes" Nevegal ( BL )